“Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.Per maggiori informazioni e approfondimenti visitate le nostre policy sulla Privacy & Cookies

Centralino 011.6801212 | eMail : nichelino@cri.it

Il Comitato Locale di Nichelino


Dal 1986 al 1992
Il 07/12/1986 un piccolo gruppo di Volontari, alcuni provenienti dall’Associazione Croce Bianca Nichelinese ed altre dalla vicina unità CRI di Moncalieri, costituirono la Delegazione di Nichelino. Grazie allo spirito di intraprendenza dei Volontari, che si autotassarono per affrontare le spese iniziali, tra cui l’acquisto delle divise, si cercò di acquistare un’ambulanza per espletare i servizi. L’arrivo dell’ambulanza fu reso possibile attraverso l’inoltro di una richiesta di contributo da parte di alcuni volontari dipendenti dell’azienda Garosci (attuale Carrefour). Il direttore del supermercato accolse la richiesta e donò la prima ambulanza nel 1987.
Anche se il numero dei Volontari era limitato, si cercò da subito di coprire il servizio sulle 24 ore, informando la popolazione locale dei servizi offerti dalla neonata Delegazione e riducendo al massimo i servizi svolti sul territorio di competenza delle altre Associazioni.
L’abilità e l’astuzia di presidiare con continuità la linea telefonica, ha permesso col tempo di acquisire credibilità, affidabilità, un buon numero di servizi di istituto e di inserirsi nell’allora Servizio di Emergenza (Torino Urgente 5747).
In poco tempo il Gruppo di Nichelino si sviluppo e nel 1990 riuscì ad ottenere in uso dal Comune una nuova sede, ex scuola elementare, composta di due prefabbricati.
Nel primo fabbricato è stato possibile allestire una sala d’attesa con televisore ed un servizio igienico ed un ufficio riservato.
Nel secondo fabbricato è stato allestito l’ufficio amministrativo, la Presidenza, la Segreteria, l’Ispettorato ed il dormitorio.


1993
Nel 1993 la Delegazione fu elevata a Sottocomitato.
Nello stesso anno, per volontà dell’I.V. Sorella Sala Adriana, del gruppo di Chivasso, ma residente a Nichelino, per far fronte alle numerose richieste degli Assistenti Sociali, con l’interessamento dell’allora Sindaco, dott. Angelino Riggio, venne aperto un Ambulatorio CRI. I locali vennero condivisi con quelli dell’U.S.S.L. 33, destinati al servizio di Guardia Medica. L’attività, prestata in forma gratuita alla popolazione, riguarda la terapia iniettiva e la misurazione della pressione.
Tutti i Volontari sotto la guida dell’Ispettore dei Volontari, Pasqualino Demichelis, e dell’allora Presidente, Sterchele Roberto, hanno partecipato attivamente alla ristrutturazione dei locali e degli spazi: realizzando tettoie, asfaltando cortili, ecc …
L’attività aumentò gradatamente e grazie all’acquisizione di nuovi mezzi fu possibile mantenere la convenzione per il servizio urgente e stipulare nuove convenzioni per il trasporto di emodializzati e di infermi con l’U.S.S.L. 33. Inoltre non venivano mai rifiutati i trasporti privati, le dimissioni ospedaliere e i viaggi a media e lunga percorrenza.

Grazie ai corsi di formazione il Gruppo continuò a crescere raggiungendo le 250 unità.

1994
Nel 1994 il Gruppo acquisì un mezzo fuoristrada ed un gommone con motore ed un carrello per il traino.


1995
Nel 1995, dopo l’esperienza dell’alluvione, l’Ispettorato cercò di formare nuovi settori di attività quali la Protezione Civile e gli OPSA (Operatori Polivalenti per il Salvataggio in Acqua) ed intensificò i contatti con il Comune per l’acquisizione di altri mezzi speciali.
A causa del poco spazio disponibile per il ricovero dei mezzi, è stata acquistata una struttura prefabbricata riutilizzabile per il parcheggio di 6 mezzi.
Alla fine del 1995 su espressa richiesta del Sindaco del Comune di Castagnole Piemonte, grazie all’interessamento di sorella Sala Adriana è stato fondato un gruppo di Volontari del Soccorso.

1996
Dal 1996 è stato costituito un Gruppo di Educazione e Formazione che ha riorganizzato i corsi per gli Aspiranti Volontari e quelli di aggiornamento, in linea con le disposizioni regionali in essere in quell’anno. Per lo svolgimento dei corsi, purtroppo, l’attività veniva svolta di volta in volta il locali a pagamento, messi a disposizione da Comune o Chiese, non avendo a disposizione adeguati spazi all’interno della sede.

1997
Nel 1997 data l’impossibilità di gestire nello stesso spazio Amministrazione, Ispettorato e Presidenza si è reso necessario affittare un piccolo alloggio nel caseggiato di fronte alla sede per ospitare la Presidenza e l’Amministrazione.
Grazie alla donazione da parte del Comune di Torino di due motocicli dismessi dal Corpo di Polizia Municipale, è stato possibile realizzare l’allora unico gruppo motociclistico CRI della Regione Piemonte. I motocicli, con livree CRI, sono stati attrezzati per seguire manifestazioni sportive, ciclistiche e podistiche, fornendo la possibilità di un primo soccorso sanitario con ampia libertà di azione.
Nello stesso anno il Comune di Nichelino individua un’area (area di 2510 mq nei pressi di Cascina Pallavicino) a cui assegnare il diritto di superficie per la realizzazione della sede Cri di Nichelino (Deliberazione della Giunta Comunale n°830 del 25-09-1997) e precisa che l’area sarà assegnata dopo presentazione di un progetto preliminare. L’attuale Presidente del Comitato, STERCHELE Roberto, fa realizzare un progetto di massima e con relativo piano finanziario dallo Studio Amirante Architetti Associati, senza però stipulare alcun disciplinare e fornire alcun compenso professionale

1998
Nel 1998 è stata inaugurata un’ambulanza dedicata al trasporto pediatrico e neonatale, anche a lungo raggio, specificatamente attrezzata e sono stati presicontatti con l’Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino ed i reparti pediatrici dei maggiori ospedali della provincia al fine di stipulare idonee convenzioni.
Nello stesso anno è stata stipulata una convenzione con l’Azienda Ospedaliera CTO/M.Adelaide di Torino per garantire il servizio di trasporto dei pazienti che venivano recuperati dall’eliambulanza con un’ambulanza di rianimazione, verso il più idoneo Pronto Soccorso.
Il 20 novembre dello stesso anno l’attuale Commissario del Comitato Locale di Nichelino, dott. GONELLA Guido, scrive una lettera al Presidente del Comitato Provinciale di Torino, dott. CALVANO Antonino, descrivendo dettagliatamente la situazione del gruppo CRI da lui diretto e informando della deliberazione n°108 del C.C. chiedendo di inoltrare al Comitato Centrale fondi per la costruzione di una sede idonea. In tale comunicazione si evidenziano le problematiche delle strutture all’epoca ed ancora oggi utilizzate del Comitato di Nichelino.

1999
Nel 1999 il Commissario Guido GONELLA, con la collaborazione della Volontaria S.lla SALA Adriana proposero al Comune di ottenere l’assegnazione dell’area (dove edificare la nuova struttura) sull’attuale zona in uso alla CRI, prospiciente via D. Chiesa nel tratto compreso tra via Sauro e via Toti, e presenta un relativo progetto preliminare (21 aprile) redatto a titolo gratuito dallo studio tecnico Spolmona & Vitali ( via Giolitti n°24 – 10123 TORINO) dopo richiesta del Commissario Gonella. Il Consiglio Comunale di Nichelino approva il progetto preliminare e relativo schema di convenzione con la delibera n°54 del 25 maggio.
Parallelamente vengono avviate le pratiche per richiedere al Comitato Centrale un fondo di £ 500.000.000 (la stima complessiva dell’opera Spolmona & Vitali ammontava a £ 3.000.000.000) – tramite il Comitato Provinciale – con richiesta del 22 giugno inviata al Comitato Centrale – 8° patrimonio – in data 22 luglio con documentazione allegata.
In data 19 ottobre il Comitato Centrale risponde (prot. 116605/R) chiedendo ulteriori informazioni riguardanti il piano finanziario e sottolinea la necessità di acquisire il diritto superficiario dell’area per 99 anni in quanto area destinata alla costruzione di un edificio a spese della CRI, piuttosto che la concessione in comodato d’uso per 30 stabilita dalla deliberazione n°54 del C.C. di Nichelino.
A seguito di quest’ultima verrà effettuata, dopo richiesta della CRI, dal parte del Comune di Nichelino una nuova Deliberazione del Consiglio Comunale (n° 106 pubblicata il 16 dicembre) in cui viene sostituito il punto 3° della D.C. n°54 concedendo il diritto superficiario dell’area per 99 anni; è doveroso precisare che il Comune di Nichelino ha conferito la possibilità di acquisire il diritto di superficie ma ciò e comunque subordinato alla sottoscrizione notarile della convenzione, e per far ciò e necessaria l’approvazione del Comitato Centrale.
L’ultimo atto dell’anno sarà la deliberazione n° 38 del 31 dicembre in cui vengono impegnati £ 200.000.000 (capitolo di bilancio n° 220 del 1999 del Comitato Provinciale di Torino) per le opere di realizzazione della nuova struttura di Nichelino a firma del commissario Gonella.Nel 2000 diventa Presidente del Comitato di Nichelino S.lla SALA Adriana. Il progetto della Spolmona & Vitali viene scartato in quanto troppo oneroso e da realizzarsi in un’unica soluzione e si richiede allo Studio Amirante Architetti Associati la stesura di nuovo progetto preliminare, suddiviso a lotti, a cui far continuare l’iter procedurale. Questa suddivisione è stata necessaria in quanto le risorse disponibili prevedevano di realizzare prima il primo lotto (sale volontari, dormitorio, centralino, salone polivalente, garage) ed in seguito il secondo lotto (uffici amministrativi)
Nel contempo viene approvata la deliberazione del C.C. n°106 del 1999 il Comitato Centrale, con corrispondenza datata 4 aprile (prot. 00842/00), comunica la documentazione da produrre per dare inizio all’iter procedurale per l’acquisizione del diritto di superficie, precisando comunque la necessità di stabilire un pino finanziario dell’opera in questione.

2001
Il 4 giugno 2001 viene presentato il progetto preliminare Amirante a lotti che verrà approvato, con relativa deliberazione del C.C, n°67 pubblicata 17 luglio. Tale documentazione verrà in seguito inviata al Comitato Centrale che risponderà in data 18 ottobre (prot. 2634/01) affermando la possibilità di realizzare, in seguito alla delibera del Consiglio CRI di Torino n°128 del 19/06/01, solo il primo lotto per un importo stimato di £ 1.362.150.000.
Alla progettazione dell’opera contribuiranno, a titolo gratuito, le seguenti figure professionali:
 Perito Industriale SARA’ Ezio – Via Ponchielli n°4 Nichelino – per quanto concerne la progettazione di impianti elettrici e termici;
 Ingegnere AUDINO Angelo – Via Torino n°95 Nichelino – per quanto riguarda la sicurezza dell’opera;
 Ingegnere RINALDIS Carmelo – Via 25 aprile n°20 Nichelino – per quanto concerne le strutture il cemento armato.

2002
In data 26 febbraio 2002 la CRI Nichelino, in risposta alla comunicazione del 18 ottobre, con un atto firmato congiuntamente dalla sig. SALA e dal dott. CALVANO spiegano le motivazioni al Comitato Centrale del cambiamento del progetto verso quello a due lotti ed esprimono l’intenzione di realizzare solo il primo lotto.
Dopo una richiesta da parte della CRI Nichelino in data 21 marzo la PROVINCIA DI TORINO comunica la disponibilità (22 maggio) ad assumere le funzioni di stazione appaltante per l’espletamento delle procedure di gara relative all’affidamento dei lavori per la costruzione della sede CRI di Nichelino.
In data 4 settembre La Giunta Esecutiva Nazionale della CRI delibera di accettare la concessione a titolo gratuito per la durata di 99 anni del diritto di superficie rilasciata dal Comune di Nichelino.
Nel frattempo la progettazione dell’opera secondo il progetto Amirante a lotti continua, e in data 20 dicembre verrà stipulato, dopo oltre cinque anni di lavoro congiuntogratuito, un disciplinare d’incarico tra la CRI e lo Studio Amirante Architetti Associati con un affidamento diretto per un importo di € 41.316,00 (iva e contributi escusi).
A cavallo tra i mesi di novembre e dicembre vengono effettuate, a cura del geologo TROSSERO Massimo, le analisi geologiche del terreno e ed il frazionamento del terreno da parte del geometra CADARIO Mario.
Il 14 novembre, con determinazione n° 206/02 del servizio Patrimonio del Comitato Centrale vengono impegnati la somma di € 258.228,45 (IMPEGNO n° 6898 del 29-11-02 su determina dirigenziale n° 206 del 14-11-02), annunciata della delibera della Giunta Esecutiva Nazionale.

2003
In data 3 febbraio 2003 viene ritirata la concessione edilizia n°174/02 rilasciata dal Comune di Nichelino.
Il 10 giugno viene trasmesso dal Comitato Centrale l’atto notarile con il quale è stato nominato il procuratore speciale, dott. Calvano Antonino, per la stipula del contratto di acquisizione del diritto superficiario concesso dal Comune di Nichelino che verrà stipulato dal notaio CIURCINA Rosario nello stesso mese.
In data 18 luglio la CRI Nichelino chiede indicazioni alla Provincia di Torino sulle figure professionali che daranno assistenza alla realizzazione dell’opera e in data 6 agosto la Presidente della Provincia di Torino d.ssa BRESSO Mercedes, in firma congiunta don il Direttore Generale FERRARELLI Giuseppe nominano la dott.ssa ATTANASIO Serena per la parte amministrativa e l’ing. PETRUZZI Sandro per la parte strettamente tecnica.
In data 23 dicembre la s.lla SALA invia la prima delle tante richieste di fondi per la realizzazione della nuova sede indirizzata la Presidente della fondazione CRT, dott. COMBA Andrea.

2004
In data 12 gennaio viene richiesta dalla CRI Nichelino il rinnovo della Concessione Edilizia 174/02 in quanto non sarà possibile iniziare i lavori prima del 2 febbraio.
Il 19 gennaio il Comitato Centrale (prot. 3588) richiede la stipula della convenzione con la Provincia di Torino per poter continuare l’iter procedurale e dopo circa 7 mesi di bozze scambiate tra Roma e Torino viene stipulata la convenzione in data 16 settembre a firma del dott. FOIETTA Paolo per la Provincia e del dott. Calvano Antonino per la CRI.
Nel frattempo vengono stipulati i disciplinari d’incarico, senza retribuzione, per gli altri professionisti impegnati nell’opera in data 15 luglio.
In data 24 maggio lo Studio Amiarante scrive delle difficoltà incontrate nel coordinamento delle varie figure professionali incaricate ed allega, per ciascuna di essa, l’elenco della documentazione da produrre al fine della stesura del progetto esecutivo da consegnare alla Provincia di Torino.
Il 1 dicembre viene richiesta al comune di Nichelino una ulteriore rinnovo alla concessione edilizia n°174/02 in quanto non sarà possibile iniziare i lavori prima del 2 febbraio 2005.

Il 6 dicembre la Provincia ha provveduto alla verifica del progetto preliminare e in 9 dicembre si è fissata una riunione tecnica con tutti i professionisti interessati al fine di coordinare la consegna degli elaborati relativi al progetto esecutivo.
In data 17 dicembre viene inviata una mail al P.I. Sarà al fine di richiedere la copia digitale del progetto degli impianti e si fissa un sopralluogo nella zona dei lavori con i tecnici della Provincia atto ad effettuare un indagine più approfondita sulle altimetrie del lotto in funzione dello smaltimento delle acque.

2005
In data 5 gennaio la Commissione Edilizia esprime parere favorevole all’ulteriore rinnovo alla concessione n°174/02, che verrà definitivamente approvata in data 29 aprile con il Permesso di Costruire n°261/04.
In data 12 gennaio lo Studio Amirante avvisa via fax il P.I. Sarà che è fissata una riunione per verificare le quote altimetriche in data 17 gennaio, presso gli uffici della Provincia.
In data 31 gennaio si è resa indispensabile una variante alla concessione n°174/02 inquanto, a seguito degli approfondimenti del progetto sviluppati in collaborazione con la Provincia, si è ritenuto di sollevare il piano finito interrato ad una quota di -2,5 metri dal piano strada, in quanto nella relazione geologica tale quota è considerata di sicurezza rispetto a eventuali eccezionali risalite della falda.
Nello stesso giorno la CRI Nichelino richiede al Comune di Nichelino di approvare il progetto di variante alla concessione n°174/02, che verrà approvata definitivamente inglobando le ultime modifiche altimetriche in data 29 aprile con il Permesso di Costruire n°35/05 rilasciato in data 23 maggio.
Nel contempo il Vds PETACCIA Paolo, esaminandole ultime tavole tecniche relative alla piante del piano interrato – adibito ad autorimessa - nota che la disposizione dei pilastri derivante dal progettazione delle strutture in cemento armato rende praticamente impossibile la manovra dei mezzi e chiede allo Studio Amirante una riunione tecnica con l’ing. Rinaldis al fine di risolvere le problematiche. C’è inoltre da precisare che l’elevato numero dei pilastri si è reso necessario per adeguare la struttura alla vigente normativa antisismica. Nella riunione del 7 aprile a cui hanno partecipato un collaboratore dell’Studio Amirante, il vds Petaccia, l’ispettore dei vds di Nichelino DEMICHELIS Lino ed infine l’ing. Rinaldis si sono enunciati le possibili soluzioni per modificare le posizioni finali dei pilastri.
In data 11 aprile lo Studio Amirante, a firma dell’architetto AMIRANTE Alessandro enuncia che una nuova distribuzione dell’interrato comporta la redazione di una nuova Variante da presentare al Vigili del Fuoco e al Comune di Nichelino oltre all’ottenimento di un nuovo Permesso di Costruire, e della relativa documentazione. Ciò avrebbe comportato l’allungamento dei tempi tecnici oltre che a rivedere i compensi professionali dello studio di architettura.
Determinato quanto sopra la CRI Nichelino ha preferito continuare con il progetto Amirante a lotti, in quanto già avviato verso la definitiva redazione del progetto esecutivo.

In data 15 giugno lo Studio Amirante comunica la difficoltà nel collaborare con gli altri professionisti e sottolinea che il loro studio è incaricato della solo progettazione architettonica dell’opera e non ha responsabilità contrattuali sull’operato altrui; precisano inoltre la loro consegna del progetto architettonico finale all’ing. Rinaldis ed al P.I. Sarà in data 10 giugno e garantiscono la loro consegna per luglio.
Nei mesi tra luglio e agosto verranno presentati i progetti esecutivi di tutti i professionisti incaricati, tranne il piano di sicurezza, e consegnati, in data 2 agosto, alla Provincia di Torino per la verifica.
Il 28 di settembre l’ufficio tecnico di assistenza ai comuni della Provincia, con lettera a firma dell’ing. PETRUZZI inviata alla CRI e p.c. all’architetto Amirante Alessandro – considerato erroneamente dall’ing. Coordinatore del gruppo di progettazione - , elenca le innumerevoli problematiche evidenziate in fase di verifica degli elaborati consegnati ed elenca la procedura da eseguire per poter continuare iter procedurale .
In data 3 ottobre lo l’arch. Amirante precisa alla Provincia e p.c. alla CRI Nichelino di non essere il coordinatore del gruppo di progettazione della nuova sede CRI, ma incaricato della sola progettazione architettonica e si rende disponibile all’aggiornamento degli elaborati per quanto di sua competenza.
In data 4 novembre la CRI Nichelino richiede la restituzione degli elaborati consegnati alla Provincia, annunciando l’intenzione di una revisione degli incarichi professionali atta ad individuare una figura professionale unica che assuma una responsabilità contrattuale della formulazione finale del progetto esecutivo, della direzione dei lavori e di tutto ciò che concerne la realizzazione dell’opera, in quanto previsto della legislatura vigente in materia di opere pubbliche (legge 109 dell’11 febbraio 1994 e s.m.i.).
In una riunione svolta nel mese di novembre alla quale erano presenti l’archittetto Amirante, un suo collaboratore, il vds Petaccia e la Presidente Sala fu proposto all’arch. Amirante questo incarico di coordinatore unico ma rifiutò, non credendo più nella collaborazione con gli altri professionisti incaricati.
In data 18 novembre la CRI Nichelino richiede di modificare il disciplinare d’incarico con lo studio Amirante e di terminare il rapporto con la consegna del progetto esecutivo architettonico .
In data 14 dicembre viene stipulato tra la CRI Nichelino e lo studio Amirante, nella figura dell’arch. Amirante Alessandro, l’integrazione e modifica al disciplinare del 20 dicembre 2002, modificando l’importo da corrispondere per la prestazione a € 36.712,00 (iva e contributi esclusi) , € 4604 in meno del primo incarico; vengono inoltre consegnate le copie del progetto architettonico esecutivo.
Nel frattempo il 19 dicembre vengono spedite le buste relative alla gara di affidamento della progettazione esecutiva e direzione lavori per la costruzione della Nuova sede CRI, che riassumendo comportava la verifica ed accettazione della responsabilità di tutti gli elaborati prodotti dai vari professionisti, integrandoli e modificandoli eventualmente, per poterli consegnare in un secondo tempo alla Provincia di Torino. L’aggiudicazione avverrà a favore dell’offerta economicamente più vantaggiosa partendo da un importo massimo forfettario di €49.000,00 (iva e contributi inclusi) a cui dovrà essere detratto lo sconto offerto dai singoli professionisti.

2006
In data 18 gennaio vengono aperte le buste della gara ed affidato l’incarico all’ing. RINALDIS, in forza dell’offerta economicamente più vantaggiosa proposta (€47.530,00 iva e contributi inclusi).
Il disciplinare verrà firmato in data 15 marzo dopo l’approvazione della delibera da parte degli organismi CRI Provinciali.
In seguito ad analisi tecniche dell’elaborato architettonico dell’arch. Amirante ed evidenziata la difficoltà di realizzare l’opera con componenti prefabbricati in direttivo CRI di Nichelino ha ritenuto di modificare il progetto preliminare, regolarizzando il più possibile la geometria e riducendo al minimo il numero di pilastri, in modo tale da poter realizzare l’opera interamente in componenti prefabbricati, riducendo i tempi e stabilizzando i costi effettivi di realizzazione. I vertici del Comune di Nichelino accettano verbalmente le modifiche nella riunione tenutasi il giorno 15 marzo.
Il 29 marzo la CRI Nichelino richiede allo Studio Rinaldis di presentare una proposta di parcella relativa alle prestazioni professionali aggiuntive (redazione di un nuovo progetto preliminare e definitivo) rispetto a quelle stabilite dal disciplinare del 8 marzo, ma nessun nuovo atto verrà siglato .
Il 10 aprile la CRI, come stabilito dal disciplinare d’incarico del 15 marzo, consegna allo studio Rinaldis le specifiche tecniche richieste per la struttura e in data 11 aprile viene consegnato al Comune il nuovo progetto preliminare , composto anch’esso da due lotti.
Il data 20 aprile la CRI Nichelino scrive al Comitato Centrale per aggiornalo degli ultimi sviluppi e chiedendo un incontro con la d.ssa Ferretti e l’ing. Panzironi per evidenziare dettagliatamente le motivazioni dei cambiamenti effettuati e richiedere la procedura da effettuare per accendere un finanziamento per coprire il disavanzo tra i fondi accantonati dal Comitato di Nichelino il contributo di € 258.228,45 del Comitato Centrale e l’importo totale presunto del primo lotto dell’opera (c.a. €1.050.000,00 iva escusa).
Il 3 maggio si convoca la suddetta riunione, dove l’ing. Panzironi esclude in maniera categorica la possibilità della CRI di accendere mutui o finanziamenti, in quanto le nuove direttive sul contenimento del debito pubblico emanate dal Consiglio Direttivo Nazionale lo vietassero.
Detto ciò la CRI Nichelino si è rivolta al proprio Comune per chiedere, oltre ad approvare il nuovo progetto preliminare e relativo schema di convenzione modificato in termini di scadenze, la possibilità che l’Ente emetta garanzia fidejussoria a favore della CRI al fine di poter accendere il finanziamento per coprire il disavanzo e realizzare l’opera. Il Comune ha accettato questa possibilità, ma ha richiesto alla CRI Nichelino il riqualificamento urbano di tutta l’area assegnatagli, eliminando le strutture prefabbricate attualmente in uso, indispensabili per il funzionamento del Comitato anche avendo già realizzato il primo lotto della struttura. Si è dunque modificato ulteriormente il progetto preliminare aggiungendo i locali essenziali che erano compresi nel secondo lotto(uffici amministrativi, garage mezzi pesanti e nautici), inmodo da poter riqualificare completamente la zona, e portando il costo dell’opera a €1.190.000,00 (iva e contributi esclusi).
Il nuovo, e ultimo, progetto preliminare di Rinaldis è stato consegnato al Comune di Nichelino in data 2° luglio e sarà approvato nel Consiglio Comunale n° 69 del 30 ottobre inserendo l’art. 12 in cui il Comune si riserva la possibilità di rilasciare garanzia fidejussoria a favore della Croce Rossa Italiana.

2007
In data 5 gennaio la CRI Nichelino informa il Comitato Centrale dei nuovi sviluppi, richiedendo la possibilità di stipulare l’atto notarile per la nuova convenzione. In seguito a comunicazioni telefoniche tra la d.ssa Ferretti e l’ing. Petaccia si esprimeva l’impossibilità di procedere alla stesura di una nuova procura in quanto erano necessari ulteriori documenti che verranno elencati nella comunicazione del Comitato Centrale ricevuta il 19 aprile (prot. 26091/07). In tale comunicazione si evidenzi la necessità di ottenere l’autorizzazione a procedere da parte del Consiglio Direttivo Nazionale, dopo valutazione del relativo piano finanziario del nuovo progetto.
Inoltre sarà indispensabile adottare una nuova delibera del Consiglio direttivo della CRI Nichelino ” – i cui contenuti dovranno essere condivisi dal Comitato Provinciale e dal Comitato Regionale competenti - nella quale siano riassunti i termini dell’operazione prospettata in precedenza (facendo riferimento ai pressi atti deliberativi) aggiornando nella stessa i costi di realizzazione del progetto (atteso il tempo trascorso), ed il conseguente piano finanziario formulato a copertura della spesa prevista”.

Dal 2010
Nel 2010 sono iniziati i lavori per la costruzione della nuova sede del Comitato Locale di Nichelino. La nuova sede è stata inaugurata il 26 ottobre 2012, alla presenza di molte autorità di Croce Rossa e pubbliche.


 

Croce Rossa Italiana
Comitato di Nichelino ONLUS
via Damiano Chiesa, 10
10042 Nichelino (TO)
Cod. Fiscale / P. Iva 11052830012
 
 

Seguici su